• 1
  • 2
  • 3
kinesiterapia 1

La kinesiterapia è una particolare terapia manipolativa, la parola significa "terapia del movimento" ed infatti viene usata in fisioterapia con scopo di riabilitazione e la rieducazione funzionale di singoli muscoli o gruppi muscolari o dell’intero organismo, eseguite a seguito di un periodo di immobilizazioni prolungate (ad esempio: ingessature, applicazione di tutori, dopo interventi chirurgici alle articolazioni, traumi sportivi...).

La Kinesiterapia si divide in 2 tipologie:  

  • la Kinesiterapia passiva
  • la Kinesiterapia attiva

Kinesiterapia passiva: in questo caso il terapista esercita sul paziente, che resterà passivo, tecniche particolari al fine di gestire in modo appropriato il movimento della parte del corpo da trattare.

Kinesiterapia attiva: in questo caso, invece, è lo stesso paziente che agisce in modo attivo sotto la direzione e la supervisione del terapista, che gli farà eseguire gli esercizi più idonei.
Durante la seduta di Kinesiterapia attiva sarà possibile usare elastici, palloni, bastoni e tappetini per facilitare o rendere più difficoltoso il movimento, a seconda dello scopo.


Indicazioni terapeutiche

È una terapia indicata nei casi di necessità di recupero muscolare ed articolare, e non ci sono controindicazioni.